Tappi di cerume: rimedi per rimuoverli

0
87

L’udito, uno dei cinque fondamentali sensi essenziali per il nostro vivere quotidiano. Fondamentale per la comunicazione con gli altri, senza il quale non saremmo in grado di interagire nelle conversazioni o non riusciremmo a rilassarci ed emozionarci con una bella canzone.
Si, proprio emozionarsi, perché le emozioni vengono captate dai cinque sensi, che sono il punto di contatto con il mondo esterno.

Che succederebbe se uno dei nostri cinque sensi iniziasse a smettere di funzionare in modo adeguato?

Questo causerebbe dei fastidi e delle complicazioni che dovrebbero essere subito prese in considerazione e trattate nel modo più adeguato per far sì che il nostro organo sensitivo torni a funzionare perfettamente.

Il nostro orecchio è il mezzo di ricezione primario per il vivere quotidiano, ecco perché è giusto non sottovalutarlo e curarlo in modo opportuno.

Quale è il sintomo più frequente di disturbo alle orecchie?

I tappi di cerume sono da considerarsi uno dei più fastidiosi disagi. Normalmente il cerume, una sostanza che si trova all’interno dell’orecchio, ha la funzione primaria di proteggerlo dagli agenti esterni ma in alcuni casi la troppa secrezione di questa sostanza porta alla formazione dei cosiddetti “tappi” di cerume.

Questi scomodi tappi, vanno ad attenuare il suono che l’orecchio deve captare e ne deriva quindi un senso fastidioso di chiusura dell’organo e in alcuni casi anche uno spiacevole dolore.

Schermata 03-2457099 alle 17.01.20

Il rimedio opportuno per risolvere questo seccante e frequente disturbo è l’utilizzo di un ottimo spray auricolare a base di acqua di mare o di un cono auricolare Otomed, che viene appoggiato sull’orecchio e acceso come una candela per sciogliere il cerume interno.

Ma quale può essere la causa di questa formazione di tappi di cerume?

Una prima causa è lo sbagliato utilizzo dei cotton-fioc che sono innanzitutto pericolosi se spinti troppo a fondo nel condotto uditivo poiché devono essere utilizzati solamente per ripulire l’orecchio esterno.

image1

Ma ci sono molte altre cause di varia natura che una volta manifestate andrebbero opportunamente fatte diagnosticare dal medico che vi indicherà sicuramente il trattamento migliore da seguire.

Insomma, come dice un vecchio proverbio, “chi ha orecchie intenda...” non sottovalutate i disturbi alle orecchie e prendete subito precauzioni!

L’udito ci regala le emozioni, come sarebbe muta la vita senza di esse!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here